Login Registrati
A Viterbo aperto il Centro Antiviolenza Penelope

A Viterbo aperto il Centro Antiviolenza Penelope

Inaugurata lo scorso 8 marzo, la struttura è riferimento dei vari comuni della Tuscia e offre sostegno alle donne che vogliono uscire dalla violenza

Mercoledi, 07/04/2021 - Atteso da tempo, finalmente a Viterbo è stato aperto il Centro Antiviolenza Penelope, una “struttura che offre gratuitamente un servizio prezioso, una mano tesa a tutte le donne che si trovano in difficoltà, ancor più in questi mesi di pandemia, e che hanno bisogno di rivolgersi alle istituzioni per aiuto e sostegno” hanno spiegato all’inaugurazione - lo scorso 8 marzo - le autorità cittadine presenti accanto alle rappresentanti dell’ats, partner del Comune di Viterbo nell’attivazione del Cav: Antonella Panetta (presidente della cooperativa sociale Prassi e Ricerca onlus), Marta Nori (Associazione di promozione sociale Kyanos) e Carla Centioni (Associazione di promozione sociale Ponte Donna).
“L’apertura del Centro è un passo importante per tutte le donne della Tuscia - ha spiegato Carla Centioni - che hanno qui a disposizione operatrici forti di una lunga esperienza, specializzate nel contrasto alla violenza. Rivolgendosi al Centro antiviolenza le donne che subiscono maltrattamenti o vivono situazioni inaccettabili saranno accompagnate attraverso un percorso integrato di uscita dalla violenza”. Un percorso articolato e a “sostegno delle donne che hanno maturato la volontà di riprendersi la propria vita, che le accompagna in un percorso di empowerment, di ricerca del lavoro, di assistenza legale e psicologica” ha aggiunto Antonella Panetta.
Questi e molti altri, infatti, sono i servizi che il Centro Penelope mette a disposizione delle donne nei giorni e orari in cui è aperto, con possibilità di contatti telefonici (tel. 0761-1563229 - cell392 6473807) anche con una copertura h 24.
Il Cav è finanziato con fondi regionali e, oltre a Viterbo in quanto capofila, sono coinvolti nel progetto i comuni di: Bomarzo, Celleno, Soriano, Vitorchiano, Bassano in Teverina, Oriolo Romano, Vetralla, Acquapendente, Canepina, Orte, Capranica, Blera, Bassano Romano.
Un progetto che prevede a breve anche l’apertura sul territorio di una Casa Rifugio, struttura che arricchirà la rete dei servizi territoriali indispensabili per dare sicurezza alle donne che vogliono uscire dalla violenza e che “nei fatti conferisce sostanza alla diffusione di una cultura del rispetto che accompagni adulti e giovani in ogni singola scelta di vita” hanno sottolineato l’assessora Antonella Sberna e il sindaco Giovanni Maria Arena, molto soddisfatti di avere finalmente realizzato questo progetto a cui hanno creduto con convinzione. Una rete che conta anche sulla collaborazione con le forze dell’ordine, che sono tra le istituzioni di riferimento per le donne. All’inaugurazione è stata presente anche l’assessora regionale alle politiche sociali Alessandra Troncarelli, che aveva avviato l’iter per l’apertura del Cav negli anni in cui era assessora comunale e che ha visto la positiva conclusione del percorso grazie alle sinergie messe in campo.
Centro antiviolenza per donne Via delle Pettinara, 4 - 01100 Viterbo
Orari:
lunedì, mercoledì, venerdì: dalle 15 alle 19
martedì e giovedì: dalle 9 alle 13
Facebook: https://www.facebook.com/CentroAntiviolenzaPenelope/




Lascia un Commento

©2019 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.33421 del 23 /09/ 2019 - P.IVA 00878931005
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®