Login Registrati
Donne, corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione: prorogata la mostra a Roma

Donne, corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione: prorogata la mostra a Roma

Sarà visitabile fino al 10 novembre con un fitto programma di incontri culturali, performances, proiezioni, readings e azioni teatrali legati alla mostra

Mercoledi, 09/10/2019 - Dopo il grande successo riscosso, la mostra Donne, corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione -a cura di Arianna Angelelli, Federica Pirani, Gloria Raimondi, Daniela Vasta - in corso alla Galleria d’Arte Moderna (via Francesco Crispi, 24),è stata prorogata fino a domenica 10 novembre 2019.

Per tutto l’arco della sua programmazione, la mostra è stata arricchita da un ampio e articolato programma di eventi culturali e da nuove operedi cinque importanti artiste internazionali (Marina Abramović, Carla Accardi, Mirella Bentivoglio, Maria Lai e Titina Maselli), che si sono alternatenel ciclo “Omaggi alle Artiste”.Attualmente èin esposizionel’opera di Mirella Bentivoglio “Lapide a Hravat”.Una straordinaria occasione per riflettere sulle straordinarie protagoniste dell'arte "al femminile", sulle loro scelte linguistiche e poetiche e sulle differenti modalità di intendere il proprio impegno nell'ambito artistico e pubblico.

Fitto il programma degli eventi culturali che proseguono nei mesi di ottobre - novembre2019.

PERCORSI E AZIONI D’ARTE, PENSIERO E VITA DI DONNE

Giovedì 3 ottobre
ore 17.00 – 18.00 sala espositiva 1° piano
ARTISTE TRA VIDEO E DIGITALE
Silvia Bordini (“Sapienza” Università degli Studi di Roma)

Martedì 8 ottobre
ore 17.00 – 18.00 sala espositiva 1° piano
LA PITTRICE MARIA ZAFFUTO E LA RINASCITA DELL’ENCAUSTO TRA GLI ANNI VENTI E TRENTA
Salvatore Vacanti (Sovrintendenza Capitolina)

Giovedì 10 ottobre
ore 17.00 – 18.00 sala espositiva 1° piano
“NON SEI ABBASTANZA TOZZA PER POTER MANEGGIARE LA TAVOLOZZA”. GLI ESORDI DI TITINA MASELLI NEL CARTEGGIO CON TOTI SCIALOJA
Francesca Lombardi (Storica dell’arte)
In collaborazione con Fondazione Toti Scialoja

Martedì 15 ottobre
ore 17.00 – 18.00 sala espositiva 1° piano
LA “MATERNITÀ” DI PINO PASCALI. NASCITA, MORTE E RESURREZIONE DI UN’OPERA
Claudio Crescentini (Sovrintendenza Capitolina)
Con proiezione in esclusiva del documentario Pino Pascali (morto in un incidente automobilistico a 33 anni)diAgostino Bonomi (1972). In collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale.

Venerdì 25 ottobre 2019
ore 16.30
I MODI DELLE MODE. IL VESTIRE QUOTIDIANO DELLE DONNE ITALIANE OVVERO L'EPIFANIA DEL TEMPO (1860-1960).Presenta Alberto Manodori Sagredo
Interverranno: Carlo Birrozzi, Direttore dell'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione; Simone Bessi, ANNAMODE storica sartoria per il Cinema e Teatro; Rossana Buono, storica dell'arte, Università di Roma "Tor Vergata"; Simonetta Baroni, storica dell'arte in collaborazione con le cattedre di ARTI VISIVE DEL XXI SECOLO e di STORIA DELLA FOTOGRAFIA, Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società dell'Università di Roma "Tor Vergata"

Martedì 5 novembre
ore 17.00
Presentanzione del catalogo della mostra
Sarà presentato il volume – catalogo della mostra Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, 24 gennaio – 10 novembre 2019, a cura di Federica Pirani, Gloria Raimondi, Arianna Angelelli, Daniela Vasta, edito da SilvanaEditoriale
La presentazione sarà introdotta da Elisabetta Rasy. Parteciperanno alla conversazione le autrici dei saggi Gabriella Bonacchi, Marina D’Amelia e Elisa Giomi. Monica Guerritore leggerà alcuni testi.

Da ottobre
ore 10.00 – 18.00 biblioteca/sala video
MARINA ABRAMOVIĆ BOLOGNA 77
Trasmissione di Imponderabilia, performance tenuta con Ulay alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna il 6 giugno 1977 nell’ambito della Settimana Internazionale della Performance

PERFORMANCES
in collaborazione con Studio Arte 15 e Inmagina Progetto Arte

Domenica 13 ottobre
ore 11.00
EMPATIA:
METTIMI NEI TUOI PANNI!
Performance di Benedetta Montini
Regia di Ann Luise Amendolagine
Musiche di Fulvio Renzi
Ultima di tre performance che hanno sviluppato differenti sguardi femminili sull’arte. Tre incontri coinvolgenti, un’esperienza dinamica e partecipativa, alla scoperta di tre artiste emergenti del panorama contemporaneo.

5 OMAGGI PER 5 PROTAGONISTE DELL’ARTE

Da aprile a novembre 2019
Dopo Marina Abramović, Carla Accardi, Maria Lai e Titina Maselli sarà Mirella Bentivoglio (Klagenfurt 1922 - Roma 2017) a chiudere il ciclocon “Lapide a Hravat” (1995-1998), un’opera che gioca sull’ambiguità di significato e lo slittamento di senso.
Il titolo, infatti, allude all’etimologia della parola croata hravat– strozzare – e all’uso che i soldati croati facevano di un fazzoletto portato al collo come strumento di morte..
La cravatta rimanda inoltre al linguaggio mafioso – “mettere la cravatta” / “fare la cravatta” – come riferimento all’usura e, parallelamente, alla cravatta come simbolo maschile di rispettabilità ed eleganza occidentale.

Tutte le attività all’interno della Galleria sono gratuite con pagamento del biglietto d’ingresso al Museo.Prenotazione obbligatoria allo 060608, max 40 posti per gli incontri e max 60 posti per gli eventi on open air fino ad esaurimento


Galleria d’Arte Moderna – via Francesco Crispi, 24
Orario: mar - dom 10.00 | 18.30
Ultimo ingresso alle 18.00
Info 060608 ((tutti i giorni 9.00 - 19.00)
www.galleriaartemodernaroma.it

Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®