Società e Attualità

Figli contesi ePas

Pas, la malattia inventata

La sindrome di alienazione parentale (PAS) sarebbe una forma di mobbing esercitata sui bambini soprattutto dalle madri. In realtà è un’invenzione di chi vuole proteggere i padri violenti

Flavia Landolfi

Abbreviando si dice Pas. O Sap, all’americana. Acronimo, cioè, di sindrome di alienazione parentale: secondo gli avventori vero e proprio mobbing di un genitore (soprattutto la madre) nei confronti dell’altro. Snobbata anche dall’ultima edizione del Dsm-V, la contestata “bibbia” delle malattie pischiatriche, la Sap ultimamente non gode di buona salute. Teorizzata dall’americano Richard Gardner, sostenitore della pedofilia e morto suicida, la “sindrome” è andata di moda negli Usa fino a qualche anno fa quando è stata ritenuta una teoria senza sufficienti basi scientifiche e quindi da abbandonare. Stessa cosa in Spagna e in altri Stati europei. Tranne in Italia, dove, nonostante una pronuncia della Cassazione, è ancora utilizzata nei tribunali in materia di diritto di famiglia. Il caso che l’ha portata alla ribalta è quello del bambino di Cittadella (Padova), conteso dai genitori e trascinato a forza dalla scuola per essere traferito in una casa famiglia. Della vicenda si sono occupati giornali e tv (con il video choc del bambino strattonato mandato in onda da “Chi l’ha visto?”) e la Pas è uscita dai tecnicismi degli addetti ai lavori. In realtà c’è poco di elitario in questa presunta malattia: non è un fenomeno di nicchia nella prassi giudiziaria. E non è nemmeno l’extrema ratio di procedimenti giudiziari nei casi cosiddetti “difficili”. Ma invece una strategia diffusa che spesso si conclude con un certificato di malattia a carico del bambino e della madre. Il rimedio? “Resettare il minore”, come ha decretato la Corte di Appello di Venezia nel caso del bambino di Padova. Ovvero, portarlo via alla madre e consegnarlo all’altro genitore o alla casa famiglia. Proprio su quel caso si è pronunciata la Corte di Cassazione in una sentenza che sta facendo scuola. E che ha avuto il merito di fare un po’ di chiarezza nell’oscuro pianeta di questa presunta malattia. Nella decisione n. 7041 del 20 marzo scorso gli ermellini hanno bacchettato i colleghi di Venezia perché nel decretare l’allontanamento del piccolo dalla propria casa e dalla madre hanno preso “in considerazione una teoria non ancora consolidata sul piano scientifico ed anzi molto controversa”. Non solo. Secondo la Cassazione è necessario “che il giudice del merito, ricorrendo alle proprie cognizioni scientifiche, ovvero avvalendosi di idonei esperti, verifichi il fondamento, sul piano scientifico, di una consulenza che presenti devianze dalla scienza medica ufficiale”. Parole come pietre. Ma andiamo avanti: “Il rilievo secondo cui – prosegue piazza Cavour – in materia psicologica il processo di validazione delle teorie, in senso popperiano, può non risultare agevole, non deve indurre a una rassegnata rinuncia, potendosi ben ricorrere alla comparazione statistica dei casi clinici”. Ricapitolando per la Suprema Corte la Pas (o Sap che dir si voglia) è una sindrome che devia dalla scienza ufficiale e andargli dietro pedissequamente rappresenta una rassegnata rinuncia da parte delle autorità. Del resto è quello che vanno dicendo da anni fior fiore di studiosi e che lo stesso ministero della Salute ha consegnato alle parole dell’allora sottosegretario Elio Cardinale nel corso di un’interrogazione parlamentare proprio sul caso di Civitella. “Sebbene la Pas – ha tuonato il Governo – sia stata denominata arbitrariamente dai suoi proponenti con il termine disturbo, in linea con la comunità scientifica internazionale l’Istituto Superiore di Sanità non ritiene che tale costrutto abbia né sufficiente sostegno empirico dai dati di ricerca, né rilevanza clinica tali da poter essere considerata una patologia”. Ma allora, come mai in Italia si continua nei tribunali a diagnosticare la Pas alle madri e ai bambini? “Perché non è facile scardinare questo meccanismo che ormai si è insinuato come gas nervino nel nostro ordinamento”. Maria Serenella Pignotti è un medico legale, pediatra, e lavora all’Ospedale Meyer di Firenze da più di 25 anni. Per la sua competenza sulla Sindrome di alienazione parentale viene spesso chiamata a elaborare consulenze tecniche su mamme e bambini. E combatte contro la Pas da parecchi anni, anche in qualità di presidente della Commissione Pas-bambini della Società italiana di pediatria. “La verità è che la sindrome di alienazione parentale - dice - è uno scudo probatorio usato dai padri abusanti per spostare l’attenzione processuale dalle violenze familiari ad altro: secondo la mia esperienza questo altro è totalmente falso, mentre le botte purtroppo sono vere”. C’è anche questo che ruota attorno alla Pas: ci sono le violenze sulle donne che mai come oggi fanno notizia. “Eppure dentro il Tribunale, anche per via delle procedure disgiunte tra penale e civile - prosegue Pignotti - di fronte a un bambino che rifiuta uno dei genitori si avviano indagini e si pagano consulenti per stabilire se la madre è plagiante quando invece basterebbe accertare se ci sono stati episodi di violenza tra i genitori: mi pare del tutto naturale che un minore rifiuti il genitore abusante, altro che bambino malato”. È questa l’altra faccia della Pas. Che poi fa scopa con la legge sull’affidamento condiviso che in nome di una bigenitorialità esasperata non ha contemplato la fattispecie della violenza familiare come causa di esclusione dall’affidamento dei figli. Se la violenza contro le donne si combattesse tout court la Pas sparirebbe subito, anche per decreto se necessario. E la legge 54 del 2006 sarebbe profondamente rivista.

Flavia Landolfi - Giornalista del Sole 24 ore

| 13 Ottobre 2013







COMMENTI (5)

Il 18 Ottobre 2013 carafoli marco ha scritto:

Sono uno psicologo e lavoro in un centro per le famiglie da alcuni anni. La mia pratica quotidiana mi costringere a smentire quanto suddetto: la pas esiste. Molto frequentemente,in modo particolare nelle situazioni di separazione conflittuale, anche se con gradazioni diverse (per intensità o per numero di indicatori presenti) uno o entrambi i genitori attivano molteplici attività di condizionamento e di manipolazione del/dei figlio/i al fine di danneggiare l'altro genitore. Constato poi alcune incongruenze nell'articolo di Flavia Landolfi. Innanzi tutto è una contestazione puramente formale della pas e non entra mai nel merito dei contenuti che invece a me paiono molto convincenti. Poi si cita la dott.ssa Maria Serenella Pagnotti come la massima esperta sulla pas che però ne è, contemporaneamente, la più acerrima nemica. Infine mi pare di poter porre in dubbio la sua competenza: è un medico e non una psicologa o una psicoterapeuta. Questa ha tutta l'aria di una battaglia ideologica. Per favore, non facciamola, ancora una volta, sulla pelle dei bambini.

Il 18 Ottobre 2013 Mazzeo Andrea ha scritto:

Sino al 1543 circa la "pratica quotidiana" suggeriva agli astronomi dell'epoca che siccome il sole sorgeva e tramontava regolarmente, era il sole che girava intorno alla terra mentre la terra era al centro dell'universo allora conosciuto; in quell'anno vide la luce l'opera di uno sconosciuto canonico polacco, matematico, astronomo e medico, che mise in discussione quel che si credeva e affermò invece che era il sole al centro e la terra gli girava intorno. Questo per dire che quel che osserviamo, soprattutto nel mondo scientifico, deve poi essere compreso mediante una teoria coerente con gli standard della ricerca scientifica.
Le "molteplici attività di condizionamento e di manipolazione" osservate da Gardner (che tra l'altro era un medico ma non psicologo né specialista in psichiatria o neuropsichiatria infantile, né in medicina legale) sono state da lui ricomprese sotto una teoria chiamata 'sindrome di alienazione genitoriale' (o PAS). Questa teoria non ha retto alle verifiche della sue coerenza scientifica e per questo motivo rigettata dalla comunità scientifica. Tutto qui, nessuna battaglia ideologica.
Tentativi di condizionamento e manipolazione dei figli tecnicamente si chiamano maltrattamento psicologico del minore, che è un reato e come tale va trattato: denuncia penale e possibilità per l'accusato di difendersi in un regolare processo. Girarla sulla malattia non dà a chi viene accusato nessuna possibilità di difesa, va incontro nel corso della CTU a un processo sommario dove la dondanna è già scritta sin dall'inizio e ogni tentativo che fa per difendersi da questa accusa viene interpretato come segno dell'aggravarsi della malattia.
Per comodità ho archiviato in un sito documenti e link per conoscere meglio queste cose; l'indirizzo è il seguente: http://www.alienazionegenitoriale.org/index.html
Circa la D.ssa Pignotti, è un medico specialista in pediatria e in medicina legale; come pediatra ha ovviamente competenza nelle malattie dei bambini; come medico legale ha competenza nel valutare la scientificità di concetti che si intende far valere in tribunale.

Il 18 Ottobre 2013 Mazzeo Andrea ha scritto:

Chiedo scusa per aver quotato il commento del collega, scherzi del copia-incolla.

Il 19 Ottobre 2013 Mambriani Lucillla ha scritto:

Riguardo al politico che citate a sostegno delle vostre tesi la stampa scrive: "Le accuse per Cardinale, di cui è stato richiesto il rinvio a giudizio, sono pesantissime: truffa, falso ideologico e usurpazioni di funzioni pubbliche".

La realtà è che tante mamme non vedono i figli, vittime dell'abuso dell'alienazione genitoriale o PAS, che l'alienazione genitoriale non è una questione di genere, è un abuso sull'infanzia.

Il 21 Ottobre 2013 carafoli marco ha scritto:

http://www.alienazione.genitoriale.com/usa-pas-supera-test-frye-daubert/

// Vuoi lasciare un commento? Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi
Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati
// Primo Piano

Moni Ovadia: La pace? Impossibile, senza giustizia - In tour con la Moni Ovadia Stage Orchestra, Senza Confini Ebrei e Zingari ha fatto tappa ad Ariano Irpino nell'ambito del FolkFestival... (Continua)

FESTIVAL DI BIOETICA: prima edizione - Il 28, 29 e 30 agosto a Santa Margherita Ligure si tiene la prima edizione: la salute al centro dei dibattiti... (Continua)

Marocco / Concorso per notaio senza divieto per donne - di Carla Pecis* - A ottobre in Marocco per la prima volta le donne potranno partecipare al concorso per diventare 'adoul'... (Continua)

Vedi tutti »
// Ricerca nel Sito
// Le Nostre
   Esperte
Foto di Carpinelli Cristina
EUROPA ORIENTALE
Foto di Avetta Paola
LE DONNE E LE RIFORME
Foto di Irace Emanuela
MEDIO ORIENTE
Foto di Vaccaro Silvia
DIRITTI UMANI
Vedi tutte »