Arti, Musica e Cultura

Poesia

Francesca Perlini. Gli alberi della poesia

Un percorso di scoperta del femminile e di coesione fra natura ed essere umano

Luca Benassi

Francesca Perlini

Ci sono libri di poesia che si aprono e si chiudono come un fiore nell’arco di una lettura, offrendo la dimensione di un racconto, di un pensiero, di una vita. Non sono ‘raccolte’, perché non raccolgono nulla, non mettono insieme testi solo perché siano sufficienti a farsi pubblicare; sono invece libri necessari, cresciuti come un organismo vitale, dove ogni parte, ogni silenzio, ogni parola appaiono essenziali. È questa una caratteristica delle opere di Francesca Perlini, la cui densità è frutto di una ricerca umana e spirituale, ancor prima che poetica a letteraria. Perlini vive e lavora a San Costanzo (PU), ha esordito con “Prima di partire” (Sigismundus, Ascoli Piceno, 2013), per poi pubblicare, nel 2015, “Dire casa” (Arcipelago itaca Edizioni Osimo AN). Si tratta, dunque, di una poetessa, parca, attenta a distillare le esperienze, le maturazioni, gli accadimenti dell’esistenza per farne poesia. Il libro del 2015 è diviso in due sequenze, diverse dal punto di vista stilistico e della lunghezza dei testi, ma unite in un percorso sistematico che si apre con la scoperta del femminile e si chiude in una salda coesione fra natura ed essere umano. È un testo dalle venatura iniziatiche («se mi perderò -e mi perderò-/ chiamerò un nome e/ la terra su cui avrò posato l’ultimo piede/ sarà il primo passo nel posto giusto./ e quando i corpi s’incontreranno nel loro limitare/ i canti verranno all’unisono cantati per noi»), dove entrare nella casa del corpo diventa scoperta della propria natura generativa, capace di donare la vita e farsi terra madre. La prima sezione è intitolata “Gonne”, ed è composta da testi brevi, frammenti sapienziali dove si tessono, come la stoffa di una gonna, corpo e spirito in una dimensione corale, quasi si chiamassero a raccolta le donne, le madri e le figlie nel transitare dell’esistenza. La seconda sezione reca il titolo “l’amore non si immagina si abbandona” e riporta come sottotitolo “sposalizio tra l’umano e la natura più semplicemente fra me e il bosco”. Questa sequenza ha un andamento dialogico che ricorda il Cantico dei Cantici, nel quale la femmina-donna si rivolge al maschio-albero e viceversa, in un tumulto dei sensi fino allo sposalizio finale, di fronte alla schiera del bosco, dove l’essere umano sembra congiungersi e trasformarsi in natura, in un rinnovato e profondo equilibrio primordiale, per accogliere il seme della vita pronto a farsi germoglio.

- - - - - 

torno a casa prima di partire,
pendono appesi come rami i rami
-gonne al vento-
brezze direzioni, chiusi nei cassetti i frutti
che raccoglierò a destinazione.

- - - - - - -

il limite è colmo. cadrà la gonna
dai fianchi delle montagne
in un mare che ha perso la superficie.
ciò che svela l’onda circolare.

- - - - - - -

Sposo
Innesto te come mio frutto
metto nelle tue mani il mio seme
nella raccolta e nella perdita
nel sano e nel mancante
in gravità e in leggerezza
in ogni stagione
che scioglie il tempo in terra fertile.
Sposa
Appoggio la guancia nelle tue cavità
stendo le gambe sulla tua chioma
apro il ventre ai tuoi semi
in inondazione e in aridità
nella chiarità e nell’oscuro
che trasmutano la lotta in nascite.
Canto corale, Sposo e Sposa
Hai la mia mano destra
in te custodisco la sinistra
unisci il mio corpo al tuo pensiero
congiungi la mia fine al tuo inizio,
Siamo Uno fatto due.

| 01 Marzo 2016







// Vuoi lasciare un commento? Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi
Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati
// Primo Piano

E' morto Stefano Rodotà: ci mancherà il suo garbo, la sua competenza, la sua voce limpida - Gli rendiamo omaggio ripubblicando questa intervista rilasciata a NOIDONNE (novembre 2012)... (Continua)

Amministratori minacciati: Il SI della Camera a pene più severe - Gli atti intimidatori raggiungono livelli preoccupanti (Rapporto di Avviso Pubblico), la norma intende proteggere Sindaci e amministratori locali... (Continua)

Lady Macbeth - Lady Macbeth è la storia di un femminicidio all’incontrario. Si tratta della storia di una femminista ante litteram.... (Continua)

Vedi tutti »
// Ricerca nel Sito
// Le Nostre
   Esperte
Foto di Carpinelli Cristina
EUROPA ORIENTALE
Foto di Avetta Paola
LE DONNE E LE RIFORME
Foto di Irace Emanuela
MEDIO ORIENTE
Foto di Vaccaro Silvia
DIRITTI UMANI
Vedi tutte »