Dalla rete: Arti, Musica e Cultura

Violenza, la vita ‘prima’ e ‘dopo’

Intervista Chiara Lico, autrice di 'Cioccolato e Pistacchio'. Presentazione del libro lunedì 18 aprile a Roma

inserito da Redazione

Presentazione di 'Cioccolato e Pistacchio'
Lunedì 18 aprile, ore 17,30, Sala della Crociera, Via del Collegio Romano 27 
Partecipano
Maria Concetta Petrollo Pagliarani
Tiziana Bartolini
Arnaldo Colasanti
Elisabetta Mondello

La giornalista Chiara Lico ha appena dato alle stampe 'Cioccolato e pistacchio', un romanzo duro e realistico che racconta, passo dopo passo, il ritmo di una vita che non riparte più dopo aver subito una violenza. Abbiamo incontrato l’autrice per capire la genesi della storia. “Ho seguito per il mio lavoro di cronista tutta una serie di stupri che tre anni fa hanno macchiato Roma (lo stupro Reggiani, la Caffarella, Andersen…). Molte di quelle storie mi hanno lavorato dentro e mi hanno portato a riflettere su che tipo di vita è dopo quella delle donne che hanno subito una violenza”.
Il suo romanzo è drammaticamente attuale…
Purtroppo sì, lo dimostrano i fatti di cronaca recente e i dati: che mettono paura, visto che una donna su tre, secondo l’Istat, ha subito una violenza non necessariamente fisica. Specifico anche che i personaggi del mio romanzo sono inventati, ma i fatti che vivono sono, al contrario, assolutamente realistici.

Alessandra, la protagonista, ha un carattere segnato da alcune forti reazioni: dispetti, piccoli soprusi che rivolge agli altri…

Dovevo trovare un modo, narrativo, per dare corpo e vita agli effetti collaterali di una violenza subita. Dovevo rendere per iscritto un’idea: che indietro non si torna. E che se il male ti è entrato dentro, da qualche parte devi farlo uscire. Questo è il torto massimo che una violenza porta con sé , che dal fisico arriva all’anima.

Alessandra incontra Mihela, una donna rumena arrivata in Italia per trovare il Paradiso e che invece si ritrova sulla strada…

È un’altra vita spezzata, che si regge in piedi a fatica. Dall’incontro tra le due potrebbe nascere un futuro diverso, perché solo chi sa il dolore può capire chi lo prova…

In testa al suo romanzo c’è un riferimento alla Medea di Euripide..c’è una luce in fondo al buio?

Il riferimento a Medea c’è perché la luce in fondo al buio è il coraggio che bisogna darsi da soli. E ce la fa solo chi lo trova in sé.

Le istituzioni non ce la fanno a risarcire?
No, perché al di là delle promesse elettorali o dei centri di primo intervento, non abbiamo a disposizione gli strumenti di sicurezza o di tutela necessari a risarcire chi ha subito uno dei torti maggiori che la sorte possa riservare.

Chiara Lico
Cioccolato e pistacchio
Ed Alacràn, pagg 143, Euro 14,00

| 11 Aprile 2011





// Vuoi lasciare un commento? Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi
Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati
// Primo Piano

“Lettere a mia figlia”: l’Alzheimer raccontato da Leo Gullotta - In occasione della Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer oggi in ondasu Studio Universal un cortometraggio pluripremiato... (Continua)

Dalla Toscana il ben-essere degli oli essenziali. Per nutrirsi e prendersi cura di sè - Dalle terre della Toscana, nascono gli Oli Essenziali di OLIGEA, naturali e certificati biologici. La presidente Elena Giannini illustra gli obiettivi di un progetto che coniuga rispetto per l’ambiente e sostenibilità economica... (Continua)

Uccisori, stupratori, caporali... - Una proposta per contrastare la violenza "iniziamo a denunciare penalmente per istigazione a delinquere tutti quei soggetti che risultano conniventi con la violenza maschile sulle donne"... (Continua)

Vedi tutti »
// Ricerca nel Sito
// Le Nostre
   Esperte
Foto di Carpinelli Cristina
EUROPA ORIENTALE
Foto di Avetta Paola
LE DONNE E LE RIFORME
Foto di Irace Emanuela
MEDIO ORIENTE
Foto di Vaccaro Silvia
DIRITTI UMANI
Vedi tutte »