Dalla rete: Violenza di genere

Già 12 le donne uccise nel 2012 nel nostro Paese

Il nuovo anno da poco iniziato è già segnato da un numero alto di donne uccise. Non si tratta di episodi isolati ma di violenza di genere, un fenomeno tanto diffuso quanto dimenticato

inserito da Cristina Cerbone

Rosetta, Grazyna, Antonella, Enza, Sharna, Stefania, Nunzia, Daniela, Fabiola, Lenuta, Jenny, Sara.

Sono le dodici donne uccise nel nostro Paese in queste due prime settimane del 2012.

Uccise a Ragusa, Civitanova Marche, Putignano, Marano, Monza, Trapani, Avellino, Ferrara, Milano, Trento.

Uccise con armi da fuoco, con percosse, strangolate, soffocate, gettate dalla finestra, incendiate. Donne uccise dal marito, dal fidanzato, dal convivente, dal “cliente”, dall’ex marito, dall’ex fidanzato, dal padre o dal genero. Donne uccise da un uomo.

Omicidi commessi non per gelosia, non per follia, non per disperazione. Le cause di questi omicidi hanno radici ben più profonde. Non sono episodi isolati ne storie eccezionali. Si tratta di violenza di genere, ed è un fenomeno tanto diffuso quanto dimenticato. Nel 2010 le donne uccise sono state 127; in cinque anni - dal 2005 al 2010 - sono state uccise 650 donne. Nel 2011 si stima – sulla base delle notizie riportate dai media - che le donne uccise siano state 137.

Non soltanto omicidi, più o meno efferati, uccisioni piò o meno mediatiche. C’è qualcosa di più, di altro, qualcosa che non trova eco nelle cronache, qualcosa di non detto. Chi lavora per contrastare tutte le forme di violenza contro le donne, sa che l’omicidio rappresenta spesso la tragica conclusione di un lungo e sofferto periodo di violenza fisica e psicologica agita dal marito, compagno, fidanzato o ex contro la donna. Periodo di cui quasi sempre non c’è traccia nelle storie raccontate, e che, per questo motivo, sembrano assumere la caratteristica dell’eccezionalità, e trovano spesso come unica spiegazione l’eccesso di follia e di rabbia.

Chi,come la nostra associazione da anni incontra e supporta le tante, troppe, donne vittime di violenza, sa che dietro un episodio di violenza verso la moglie, la figlia, l’amante o la prostituita, non c’è soltanto quell’unico uomo che la agisce in quel particolare momento e luogo, ma c’è un sistema culturale e sociale, che in qualche modo, ancora oggi, continua a supportare tale tipo di violenza. Un sistema mediatico che rappresenta la donna come oggetto ad uso e consumo dei desideri maschili, un sistema economico che contrasta il lavoro delle donne e quindi la loro libertà, un sistema politico che esclude o strumentalizza la politica femminile, un sistema educativo istituzionale e familiare che dimentica i saperi delle donne e trasmette ancora stereotipi legati al genere.

Questo nuovo anno, da poco iniziato ma già segnato da un numero tanto alto di donne uccise, pone quindi l’urgenza di osservare questi episodi, e a quelli ancora più numerosi e sommersi di donne che vivono diverse situazioni di violenza, con un altro sguardo, uno sguardo capace di vedere in profondità le relazioni uomo-donna, capace di vedere la storia non raccontata delle donne vicine e lontane, capace di capire che la violenza alle donne non è un fatto privato ne un episodio isolato. Uno sguardo che diventi cambiamento. Quel cambiamento indispensabile per far si che domani non ci sia la quattordicesima vittima della violenza di genere del 2012.

Associozione Frida –
“Donne che sostengono donne contro la violenza di genere”
Località Ponte a Egola, San Miniato (Pi)

| 17 Gennaio 2012
Collegamento www.associazionefrida.it/






// Vuoi lasciare un commento? Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi
Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati
// Primo Piano

Arpetta e Lucilla, scuola di musica e di vita - 'Le avventure di Arpetta', la favola di Giovanna Pandolfelli (ed Didattica Attiva) scritta con la figlia Livia... (Continua)

'Nannarella' in mostra a Roma - Una mostra fotografica dedicata a Anna Magnani per apprezzare, ancora una volta, i mille volti di un'icona del nostro tempo... (Continua)

Marche / L'arte per ricostruire l'arte lesa dal terrremoto - Epicentro 11. Undici artisti e artiste mettono all’asta le proprie opere per recuperare gli arredi di casa Pannaggi ... (Continua)

Vedi tutti »
// Ricerca nel Sito
// Le Nostre
   Esperte
Foto di Carpinelli Cristina
EUROPA ORIENTALE
Foto di Avetta Paola
LE DONNE E LE RIFORME
Foto di Irace Emanuela
MEDIO ORIENTE
Foto di Vaccaro Silvia
DIRITTI UMANI
Vedi tutte »