Dalla rete: Politica

La partigiana Kira e le onorificenze

È scomparsa la sottotenente Renata Rubini, medaglia al valor militare della Resistenza, ovviamente partigiana. Ma partigiana "fatta a modo suo..."

inserito da Giancarla Codrignani

È scomparsa la sottotenente Renata Rubini, medaglia al valor militare della Resistenza, ovviamente partigiana. Una partigiana fatta a modo suo: non l'ho conosciuta e me ne rammarico, perché le notizie locali che danno conto della sua vita mi hanno sollecitata a cercarne l'immagine su Internet. La foto la mostra ad una manifestazione dell'Anpi, anziana, con i capelli bianchi un po' ribelli al pettine, la persona solida, il volto chiuso, fermo, quasi prepotente. Non mi è stato difficile di pensarla a vent'anni mentre schiaffeggiava un fascista che a San Gabriele di Baricella respingeva brutalmente le donne che nel '44 organizzavano gli scioperi contadini. Renata era una bracciante, una che si era fermata alla quarta elementare, ma laureata dall'esperienza di vita e consapevole di sé e delle sue scelte fino a scegliere la riservatezza e il distacco dagli onori. Infatti, comunista e gappista mantenne la "sua" fedeltà agli antichi principi e non mancò mai alle celebrazioni dell'Anpi; ma era una "strana" che non si metteva mai in prima linea, non aveva sollecitato il riconoscimento attribuitole da Sandro Pertini. C'erano state donne partigiane - più o meno cancellate dalla memoria - che non chiesero il riconoscimento dello status partigiano (le "staffette" furono informate per chiederlo?), non tutte ricevettero i gradi militari non richiesti e le medaglie spesso volute dalla solidarietà di altre donne, in particolare non tutte accettarono l'assegno che accompagnava il riconoscimento. La guerra era una cosa orrenda: le donne avevano dovuto prendervi parte, correre pericoli, combattere, uccidere. Dopo che era finita, ricominciava la vita e quel che si era fatto, apparve chiaro, che si era fatto gratis. Adesso si va avanti.
Foto da: https://www.facebook.com/StorieVecchie/photos/a.719896458154601.1073741828.719666681510912/817037781773801/?type=3&theater 

| 12 Settembre 2017





// Vuoi lasciare un commento? Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi
Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati
// Primo Piano

“Lettere a mia figlia”: l’Alzheimer raccontato da Leo Gullotta - In occasione della Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer oggi in ondasu Studio Universal un cortometraggio pluripremiato... (Continua)

Dalla Toscana il ben-essere degli oli essenziali. Per nutrirsi e prendersi cura di sè - Dalle terre della Toscana, nascono gli Oli Essenziali di OLIGEA, naturali e certificati biologici. La presidente Elena Giannini illustra gli obiettivi di un progetto che coniuga rispetto per l’ambiente e sostenibilità economica... (Continua)

Uccisori, stupratori, caporali... - Una proposta per contrastare la violenza "iniziamo a denunciare penalmente per istigazione a delinquere tutti quei soggetti che risultano conniventi con la violenza maschile sulle donne"... (Continua)

Vedi tutti »
// Ricerca nel Sito
// Le Nostre
   Esperte
Foto di Carpinelli Cristina
EUROPA ORIENTALE
Foto di Avetta Paola
LE DONNE E LE RIFORME
Foto di Irace Emanuela
MEDIO ORIENTE
Foto di Vaccaro Silvia
DIRITTI UMANI
Vedi tutte »